La fermata

Al km 9+390,80 da Ostiglia si trova la stazione di Casaleone, la prima, in direzione Treviso, dopo lo scalo di Ostiglia. Il fabbricato viaggiatori è situato a quasi 5 chilometri dal paese ed è raggiungibile attraverso una strada carreggiabile che si dirama dall'attuale "via Facciabella".

La stazione è collocata a sinistra linea rispetto alla direzione della progressiva chilometrica; il magazzino e lo scalo merci si trovano lato Ostiglia. Gli edifici presentano le caratteristiche tipiche delle altre stazioni secondarie situate lungo la linea e cioè un fabbricato viaggiatori a quattro assi (quattro porte lato binari e piazzale esterno) a due piani, un bagno esterno con a fianco due casotti in cemento per il ricovero attrezzi e materiale, un magazzino merci tipo lungo a due assi con tetto spiovente e un piano caricatore da 67 metri di lunghezza per carico laterale e in testa. Il fascio dello scalo, compreso fra le punte degli scambi estremi alle progressive km 9+054,30 e km 9+761,80, era formato da tre binari di circolazione. Quello principale della linea in corretto tracciato era il 2° binario dal fabbricato viaggiatori; il 1° ed il 3° binario erano in ramo deviato.

Lato Ostiglia altri tre binari dedicati alle merci si diramavano dal 1° binario di circolazione; due terminavano con dei paracarri all'altezza del magazzino merci e uno terminava sulla testa del piano caricatore. Il binario tronco principale, da cui si diramavano gli altri due, si accostava lateralmente al piano caricatore e passava sotto lo spiovente del tetto del magazzino, per lo scarico/carico laterale delle merci dai carri; l'altro, dal lato opposto del piano caricatore nel piazzale merci, era utilizzato per lo scarico/carico diretto dai carri; il binario che terminava sulla testa del piano caricatore consentiva lo scarico/carico in testa dai carri (ad esempio di autoveicoli).

Sul binario principale dello scalo merci all'altezza della testa del piano caricatore, era installata una sagoma limite di carico in ferro. Sempre sul medesimo binario, dopo la confluenza dei due binari merci, era installata una pesa a ponte da 40 tonnellate. Dopo la pesa il binario proseguiva ancora per diversi metri verso l'estremità dello scalo lato Ostiglia, dove terminava con un paracarri; oltre a fungere da binario di ricovero esso costituiva un'asta di manovra per le movimentazioni nei binari dello scalo, senza eventualmente dover impegnare quelli di circolazione.

Informazioni

La stazione era dotata, da entrambe le provenienze, di segnalamento di protezione ad ala di 1a categoria (situati alle progressive km 8+762 lato Ostiglia e km 10+084 lato Treviso) e relativi segnali di avviso (situati alle progressive km 7+862 lato Ostiglia e km 11+208 lato Treviso), tutti, fin dalla loro installazione, dotati di manovra e illuminazione elettrica, comandati a distanza da appositi quadri ed apparati elettrici posti all'interno dell'ufficio movimento della stazione. All'esterno del fabbricato viaggiatori erano installati inoltre due arganelli per il comando a distanza dei passaggi a livello al km 8+465 e al km 9+992, quest'ultimo protetto dal segnale di protezione lato Legnago.